Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale (review)

Una crema corpo può far bene ben due volte, alla pelle e alla comunità: si tratta della famosa Charity Pot di Lush Cosmetics.
Mi sono imbattuta nella Charity Pot come spesso mi capita: per pura curiosità e non accontentandomi della lozione idratante del momento.
Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale (review)

IL PRODOTTO: packaging
La Charity Pot è uno dei prodotti Lush Cosmetics a base di burro di cacao equosolidale ed è una crema per corpo e mani idratante, vegana e cruelty free, dalla formula auto conservante.
È disponibile in due formati, da 45 e da 240 grammi, ed è contenuta negli iconici vasetti neri in plastica riciclata.
Mai essere “green” è stato più conveniente:  “collezionando” 5 confezioni vuote e riportandole ben lavate in bottega, si riceve una maschera fresca per il viso in omaggio.

Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale con burro si cacao equosolidale

Formula e texture:
Oli e burri naturali rendono la Charity Pot un sollievo per la pelle disidratata: olio d’oliva, jojoba e moringa potenziati dal burro di cacao e di karité dal mercato equosolidale.
Con grande sorpresa ho scoperto che la Charity Pot si trasforma in un toccasana per la pelle sensibile, soggetta ad arrossamenti o arsa dai primi soli estivi, grazie al potere lenitivo del gel di aloe fresco.
La Charity Pot è una crema gialla dalla consistenza abbastanza densa, se messa a confronto con la più oleosa Dream Cream, e si scioglie delicatamente a contatto con il calore corporeo.
Non è eccessivamente unta e viene assorbita facilmente, pur consentendo nel frattempo un massaggio piacevole. Il risultato: una pelle morbida, liscia ed elastica con una sana luminosità.

La base olfattiva della Charity Pot, burrosa e dolce di cacao e vaniglia, è rimasta solo parzialmente dopo la sua riformulazione: ha perso la fragranza intensa di deliziose o crema pasticcera vanigliata che avvolgeva al primo istante.
La nuova Charity Pot auto conservante ha un profumo molto particolare con note floreali miste di geranio e ylang ylang che si stemperano nelle note calde e dolci di olio di palissandro e vaniglia. Buona ma inusuale, oserei dire da “vecchia signora”.

Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale. Packaging

EXTRA:
Una particolarità del packaging della Charity Pot salta subito all’occhio, infatti ogni vasetto ha un adesivo colorato che rappresenta una delle organizzazioni supportate dalla vendita di queste creme corpo.
Acquistare una Charity Pot equivale a fare della beneficenza. Lush Cosmetics sostiene varie organizzazioni no profit accuratamente selezionate, attive a livello globale e locale: sensibilizzazione verso le tematiche sociali, protezione e salvaguardia degli animali e dell’ambiente, sostegno delle piccole realtà e comunità locali, particolari fasce di popolazione in difficoltà o con disabilità fisica.

Ogni bottega Lush organizza nei propri spazi dei “Charity Party, solitamente durante i weekend, ovvero delle giornate interamente dedicate alla raccolta fondi e informazione con incontri che hanno come protagonisti i volontari delle onlus beneficiarie.
I volontari espongono la “mission” della propria onlus, mentre gli addetti Lush illustrano la stella dell’evento: la Charity Pot.

Durante la mia ultima visita nella bottega Lush Toledo ho incontrato la dolce volontaria di Survival International e, nonostante il poco tempo a disposizione, sono riuscita a sostenere questa onlus.
Survival International si dedica alla protezione economica e in particolare legale delle tante e piccolissime comunità indigene che rischiano di essere scacciate dalle loro terre d’origine, private dei loro diritti o sfruttate da governi e multinazionali.

Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale. Texture e formula

Le tasse vanno alla stato, ma il resto dell’incasso viene devoluto a favore delle varie organizzazioni e a noi rimane un’ottima crema da spalmare. Riassumendo…

PRO:
idrata e dona luminosità ed elasticità;
calma i rossori;
ha una formula delicata;
non è eccessivamente unta;
è cruelty free

CONTRO:
profumazione,
scarsa praticità della confezione

Buona azione, buona crema? La Charity Pot è senza dubbio una crema idratante molto valida, tuttavia la nuova profumazione non è gradevole come la precedente.
Non è affatto pratica da portare in viaggio e, seppur lenitiva, non rilascia quella sensazione di freschezza che tutti cercano in estate.
Dove e come acquistare la Charity Pot? In tutte le botteghe Lush e online al prezzo di 5€ (45 gr.) e 20,95€ (240 gr.).

Lush Cosmetics e le Charity Pot per sostenere Survival International
La consiglio? In parte, infatti il prezzo è relativamente alto per una crema idratante.
Tuttavia, dato che i risultati sono soddisfacenti e la raccolta fondi potrebbe giustificarne il valore, consiglio di provarla in bottega per valutare meglio o partecipare ad un “Charity Party” per aiutare un’organizzazione che vi sta a cuore.
Adoro la morbidezza lasciata dalla Charity Pot, ma credo che proverò una nuova crema corpo, una volta finita.
Preferivo di gran lunga la vecchia profumazione di e con vaniglia e sono sicura che qualcuno mi avrebbe divorato in un sol boccone!

banner-eng

 

Valentina Chirico aka Valens

 

Lush Cosmetics: Charity Pot, la crema per corpo e mani idratante e solidale (review)ultima modifica: 2017-06-19T08:00:46+00:00da valens871
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Buone azioni, Corpo e prodotti da bagno, Testato da me (review) e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *